Appropriazione indebita

DELITTI CONTRO IL PATRIMONIO - APPROPRIAZIONE INDEBITA (ART. 646 C.P.)

Integra il reato di cui all’art. 646 c.p. la condotta di colui che, ai fini di procurarsi un ingiusto profitto si sia appropriato di beni di proprietà altrui, di cui aveva la disponibilità perché gli erano stati consegnati affinché li conservasse presso il suo magazzino fino al momento della richiesta di restituzione (Trib. Pavia, 13.12.2012, n. 923).



Principali orientamenti giurisprudenziali
Per la configurazione del delitto di appropriazione indebita basta che l'ingiusto profitto sia potenziale, non essendo necessario che esso si realizzi effettivamente, il che emerge pacificamente dal rilievo che l'art. 646 c.p. richiede solo che il soggetto attivo agisca "per procurare a sé o a altri un ingiusto profitto (nella specie, confermata la condanna per appropriazione indebita aggravata nei confronti di un amministratore che aveva trattenuto la documentazione concernente il condominio di cui era stato amministratore fino a quando non era stato revocato con apposita delibera dell'assemblea condominiale” (Cass. pen., sez. II, 17 maggio 2013, n. 29451).

L'interversione del possesso non può desumersi dalla rivendicazione della proprietà, se non accompagnata da atti di disposizione dei beni o dalla manifestazione di rifiuto di restituirli. Pertanto, integra il delitto di appropriazione indebita (art. 646 c.p.) l'omessa restituzione della cosa da parte del detentore al legittimo proprietario, solo se dal comportamento tenuto dal detentore si rilevi, per le modalità del rapporto con la cosa, un'oggettiva interversione del possesso (nella specie, la Corte ha confermato la statuizione dei giudici di appello, secondo cui la mera sostituzione della serratura di una porta non implicava l'interversione del possesso dei beni, sicchè il reato dove ritenersi consumato con il tentativo di accesso dell'ufficiale giudiziario ( Cass. pen., sez. II, 21.03.2013, n. 13797).

Cerca sentenza

Menu' sentenze

- Diritto penale sostanziale
- Diritto penale processuale
- Responsabilità amministrativa degli enti
- Diritto penale minorile